SERIE B - 9^ GIORNATA

 

Seconda vittoria consecutiva della Domus Bresso, che abbandona il fondo della classifica nel girone A di Serie B e sale a quota 6 punti.

Olivetti conferma il quintetto-base con Bosetti tra i pali, Sbaraini ultimo, De Morais-Di Maggio sulle bande e Gramegna pivot. Nel Bergamo presenti tanti ex Domus come i fratelli Battaia (Cristian in campo, Alessio alla guida tecnica), Modif e Di Gregorio (un'autentica ira di Dio per tutta la partita). 

Dopo la prima fase di studio, che vede le squadre iniziare a citofonare ai portieri avversari, è la Domus a rompere il ghiaccio con il gol del vantaggio. Schema perfettamente riuscito su punizione con Sbaraini che, tutto solo a centro area, segna il gol dello 0-1. Il Bergamo non ci sta e alza la pressione, mettendo alla frusta Bosetti, che inizia a sfoderare il suo campionario di parate. Tuttavia non può nulla sulla giocata di Yuri Di Gregorio, che all’ennesimo strappo sulla fascia sinistra, salta Tesi e infila il gol del pareggio. Il Bergamo preme, ma è la Domus ad avere tre contropiedi che potevano essere sfruttati meglio da Di Biasi, Gramegna e Di Maggio che falliscono il colpo del vantaggio. A pochi minuti dalla fine, ecco il vantaggio dei bergamaschi, ancora con il “Pocho” Di Gregorio, glaciale nel realizzare il tiro libero dopo il sesto fallo fischiato ai danni dei ragazzi. Finisce così il primo tempo.

Nella ripresa cambia tutto. La Domus parte bene e il Bergamo arriva al quarto fallo in pochi minuti. Poi il primo episodio che segnerà la partita dei padroni di casa: Cristian Battaia, già ammonito, intercetta con il braccio un pallone vagante nel cerchio di centrocampo. Per il primo arbitro il tocco è volontario e arriva così il secondo giallo, con conseguente espulsione. Con la superiorità numerica, arriva il pareggio di De Morais, che trova il pertugio giusto per riequilibrare il match. La Domus preme e il Bergamo arriva al sesto fallo, che coincide con l’espulsione, anche qui per doppio giallo, di Modif. 

Di Maggio non trova la realizzazione dal dischetto dei 10 metri, ma con la Domus ancora in superiorità numerica, è il nostro numero 10 a infilare sul secondo palo la porta dei bergamaschi per il nuovo vantaggio Domus. Ma al posto di chiudere la gara, ecco che l’inerzia passa di nuovo nelle mani del Bergamo ed è qui che sale in cattedra Bosetti. Il nostro portiere compie almeno tre parate clamorose che valgono come dei gol. Il Bergamo preme, ma arrivano altri tre liberi a favore della Domus, tutti falliti da Di Maggio, De Morais e Valerio. 

Battaia mette il portiere di movimento, ma su una transizione errata, arriva il nostro 4-2 con Di Biasi, che torna dalla squalifica con la rete che risulterà essere l’allungo decisivo. Nel finale arriva il 3-4 del Bergamo con Trisolino che rendere thriller il finale, anche perché il cronometrista combina un pasticcio dimenticandosi di far partire il tempo negli ultimi 16 secondi.

 

Ultimo impegno ufficiale del 2018, settimana prossima a Gorgonzola contro il Saints Pagnano, partita che vedrà l’assenza di Gramegna, che dovrà scontare un turno di squalifica in quanto ammonito e gravato dalla diffida.

 


BERGAMO C5 LA TORRE-DOMUS BRESSO 3-4 (2-1 pt)
Marcatori Domus: Sbaraini, De Morais, Di Maggio, Di Biasi

DOMUS BRESSO: Bosetti; Sbaraini, De Morais, Di Maggio, Gramegna. A rotazione: Sabatelli, Valerio, Tesi, Di Biasi, Bruzzano. A disp.: Molteni, Pizzi. All.: Olivetti